Home > serie tv crime > Volevo essere come Jack Bauer

Volevo essere come Jack Bauer

Jack Bauer con la Sig Sauer P228.

Sono entrata nel tunnel di 24. Grazie a Chiara Poli (amica, grazie) che mi ha guardato di un male, ma di un male, quando le ho confessato (con un po’ di vergogna) di non aver mai visto un episodio di 24, sono entrata nel tunnel. E’ stato sufficiente che mi guardasse male, non ha detto poi molto. A parte “E guardalo, no!”.

Allora. Arrivare alle quarta stagione, quando hai tutte  e otto le stagioni sotto mano, è come non dormire per 72 ore di fila, nemmeno Jack Bauer. Difatti ho nascosto i dvd qui e là. Mi sono imposta un limite: non più di tre episodi… no, anzi, non più di quattro… va beh, cinque, ma poi basta… al limite giusto un sesto, ma solo se ci sta.

Sono incredula di fronte alla mia sospensione dell’incredulità. Il mio cervello vuole credere qualsiasi cosa. Gli è piaciuto un sacco (lo so perché mi ha chiesto di rivederlo) l’episodio doppio in cui Jack Bauer viene torturato e defibrillato e poi ancora torturato. Cioè, lo so che non esiste, ma ho voluto credere.

E poi la cosa della figlia rapita più volte (speravo le piantassero un colpo in testa, ma non è successo) e la moglie ammazzata (con quella pettinatura non poteva andare molto lontano), gli amori sbagliati (prima Nina, che a momenti lo ammazza, poi la figlia del segretario, Audrey, che “ti amo, ma cielo! mio marito”).

E le armi. Devo dire che lo preferivo di gran lunga nelle prime due stagioni con la Sig Sauer P228 nickelata. Era molto più chic della Glock 17 nera e triste da agente scrauso che segue le regole. Fatto sta che il mio cervello ci ha creduto ancora di più: lavora per il governo, mica gli danno le armi più chic, gli daranno quelle più leggere. E difatti la Glock è leggera.

Insomma. Mi mancano ancora quattro stagioni ma ho creduto a una infinità di cose  (nemmeno se avessi visto il Cristo morto risorgere in diretta) e nel mio cervello c’è un sacco di spazio (testa vuota) per credere ancora. E il tutto sta nel fatto che volevo essere come Jack Bauer: lui non ha problemi di sorta e se ce li ha li ammazza. Non si prende nemmeno la briga di provare a risolverli.

Lo ha detto anche TheSelbmann a proposito di Gossip Girl, per esempio. Vivo un momento difficile. Ho bisogno di credere. E, in ogni caso, fortuna che c’è la Polee, va.

Categorie:serie tv crime
  1. 20 luglio 2012 alle 22:38

    certo che 24 “mi piace” sul post di jack bauer è un segno. è stato jack bauer, probabilmente. :)

  2. 18 luglio 2012 alle 09:55

    Hai dimenticato il “santi numi” prima di “guardare, subito. Ora”. (e poi: è “Kim-sparatemiaddosso-Bauer”, la “figlia” :-)))

    • 18 luglio 2012 alle 09:57

      Ah, è vero. Hai detto “Santi Numi”… e, sì, la figlia è Kim-sparatemiaddosso-Bauer. Ma io continuo a sperare che le sparino in testa. Colpa del mio cervello. Non mia. :))

      • 18 luglio 2012 alle 10:01

        Bisogna che io e il tuo cervello facciamo due chiacchiere… (D’oh!) :D

      • 18 luglio 2012 alle 10:48

        Ah tesora. Quando vuoi. Ma io non sono responsabile di quello che il mio cervello fa o pensa. :))

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Claudiappì

omicidi, brutta gente e considerazioni

Doppiaggi italioti

...apprezzamenti e rimproveri al doppiaggio italiano

La penna bianca

Fenomenologie dal mondo

5AM

me, a notebook and a cup of tea.

prestazionioccasionali

tendenzialmente letteratura, tendenzialmente

Scler'O'Matic

Prima vendeva le proprie parole, ora vende quelle degli altri

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

CrimeLab

Molte domande, qualche risposta. Forse.

Parole a passo d'uomo

Poesie e riflessioni sugli uomini del mio spazio e del mio tempo | di Cristiano Camaur

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

elinepal

Mi ci mancava solo il Blog

Chronicles of Inquisition

Bruce Springsteen non è un concerto rock. E' una religione.

Nerds' Revenge

In web no one can hear you laugh

The Middlest Sister

There are 5 sisters. She's the middlest.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: